PROGRAMMI
Scarica qui i programmi

 

 

Duo Carlos Bonell e Giacomo Bigoni

chitarra

CARLOS BONELL è stato descritto dalla rivista Classical Guitar Magazine come "uno dei più grandi comunicatori del mondo della chitarra".
Ha registrato più di 20 album e si è esibito in quaranta diversi paesi, sia come protagonista di intimi concerti da slista, che in concerto con grandi orchestre sinfoniche.
Carlos è nato a Londra da genitori spagnoli nel 1949. Ha iniziato a suonare la chitarra all’età di 5 anni, imparando a suonare musica popolare spagnola dal padre, appassionato chitarrista dilettante. Ha completato i suoi studi presso il Royal College of Music con John Williams dove è stato nominato il più giovane professore di sempre all’età di 22 anni.
Dopo il suo debutto a New York nel 1978, il New York Times lo ha descritto come un artista di “superbe dote poetiche”. A queste sono seguite apparizioni in vari festival internazionali, tra cui The City of London, Aldeburgh, Helsinki, Israele, Tanglewood, Sydney, Istanbul e Hong Kong.
Nel 1981 Carlos ha pubblicato la prima delle sue tre registrazioni del concerto di Aranjuez di Joaquin Rodrigo. Registrato in Canada con la Montreal Symphony Orchestra e Charles Dutoit per l’etichetta Decca, è stata la prima registrazione digitale di questo concerto. Il disco ha ricevuto l’ambita rosetta della Penguin CD Guide ed è stato spesso definito la miglior versione esistente del brano.
Nel 2006 Carlos ha iniziato a collaborare con Sir Paul McCartney nella composizione di un concerto per chitarra e orchestra. Durante i vari incontri, ha diteggiato la parte chitarristica e ha registrato varie bozze. Il lavoro è stato descritto in un articolo di copertina della rivista The New Yorker nel giugno 2007.
Il suo album del 2012 “Magical Mystery Guitar Tour”, ispirato dalla sua collaborazione con Sir Paul McCartney, è dedicato alla musica dei Beatles tramite gli arrangiamenti per chitarra sola che Carlos ha realizzato dei brani del gruppo di Liverpool. Oltre ad essere stato n.1 nelle classifiche degli album di musica classica su iTunes nel Regno Unito, è entrato nelle classifiche generali di iTunes nel Regno Unito.

GIACOMO BIGONI nasce a Reggio Emilia nel 1991 da genitori coristi dilettanti, si avvicina al mondo della musica fin da piccolissimo, e all'età di 8 anni inizia lo studio della chitarra classica, iscrivendosi al conservatorio della sua città, l'Istituto Musicale Achille Peri di Reggio Emilia, dove ha studiato con Claudio Piastra, ottenendo i diplomi con lode di 1° Livello (2010) e 2° Livello (2012). Si trasferisce a Londra nel 2012, ottenendo a pieni voti un anno dopo l'Artist Diploma in Performance al Royal College of Music, studiando con Carlos Bonell e Gary Ryan. Ha inoltre seguito per un anno gli studi per un secondo Artist Diploma alla Guildhall School of Music & Drama con Robert Brightmore, gentilmente supportato da una borsa di studio completa assegnata dal Leverhulme Arts Trust. Dal 2014 è docente di Chitarra ai Corsi Pre-Accademici presso l'Istituto Superiore di Studi Musicali di Reggio Emilia e Castelnovo ne' Monti.
Chitarrista classico poliedrico, è profondamente attivo sia come solista (principalmente nel repertorio del Novecento storico), camerista, con repertorio orchestrale, arrangiamenti e come insegnante. Si esibisce regolarmente in duo con i violinisti Francesco Ionascu (Exhibition Duo) e Tiberiu Anton Horvath. È da anni direttore dell'Orchestra di Chitarre del Conservatorio di Reggio Emilia, con la quale si è esibito in oltre 30 concerti in tutta Italia. Si è inoltre perfezionato con artisti come Alirio Diaz, Roland Dyens, Vladimir Mikulka, Michael Lewin, Flavio Cucchi, Francesco Biraghi, Carlos Bonell, Olivier Pelmoine, Graham Anthony Devine. Ha avuto apparizioni televisive e radiofoniche su Radio Vaticana (per la quale ha avuto l'onore di registrare un recital solista), Telereggio e C-Radio Web, e nel 2014 ha pubblicato il suo primo album solista, "Take Time", edito da Discoland Records e applaudito da recensioni molto positive delle piu' importanti riviste italiane di chitarra. Nel 2015 ha pubblicato il suo primo videoclip ufficiale, diventando il primo chitarrista (con l'eccezione del compositore stesso) a registrare il rivoluzionario brano di Gary Ryan "Benga Beat", capolavoro che combina innovative tecniche di percussione e sonorità di sapore africano in un coinvolgente cocktail di melodie e ritmi in stile World Music.
Nella sua carriera concertistica si è esibito in tutta Italia, in Regno Unito, Spagna e Romania. Durante il soggiorno a Londra, ha debuttato nel 2013 alla Bolivar Hall nell'ambito delle London Guitar Series. Vanta partecipazioni recitalistiche a diverse importanti rassegne e in palcoscenici di rilievo: si ricordano tra gli altri Maestros de la Guitarra (La Herradura, Andalucìa), Ateneul Roman (Filarmonica G. Enescu, Bucarest), Bistrita (Romania), Academia de Muzica "Gheorghe Dima" e Diesel Club (Cluj-Napoca, Transilvania), Royal College of Music, Purley Classics, Festival di Bellagio e del Lago di Como, Sala Assunta (Città del Vaticano), Sant'Eligio degli Orefici (Roma), Festival Chitarristico Internazionale Estate a 6 Corde, Sala del Tricolore di Reggio Emilia, Teatro al Parco (Parma), Sala Bossi (Bologna), Auditorium G. Nicolini (Piacenza), Rotary Club Reggio Emilia, Fondazione Benetton, Spazio Icarus (Reggio Emilia), Accademia Tadini (Lovere). A Marzo 2016 è stato invitato ad interpretare il Concierto de Aranjuez di Joaquin Rodrigo con l’Orchestra Filarmonica di Stato “Transilvania” di Cluj-Napoca, sotto la bacchetta di Tiberiu Soare. Giacomo suona orgogliosamente una chitarra in cedro del 2013 costruita da Stephen Hill.
E' risultato vincitore di numerosi premi, tra cui si ricordano il 1° Premio Assoluto al Concorso Internazionale Città di Treviso nel 2013, il 1° Premio al Concorso Chitarristico Antonio Salieri (Legnago) nel 2014, il 3° Premio (con 1° non assegnato) al Concorso Chitarristico Città di Celano nel 2013, e la Borsa di Studio Augusto Del Rio come miglior diplomato dell'Istituto Peri nel 2010.
 

“Un talento che gli inglesi ci invidiano”

[Prima Pagina – Reggio Emilia]

 

“L’artista è un giovane talentuoso ma assolutamente scollegato da vezzi e tic del concertismo tradizionale (è davvero una bella esperienza ascoltarlo dal vivo). Musica di rara eleganza, precisione e libertà: le tre parole chiave dell’intero CD e delle capacità esecutive e interpretative di Giacomo Bigoni”.

[Fingerpicking.net/Chitarra Acustica]


“Un pensiero personale di tutto il rispetto. Il risultato è artisticamente convincente”.

[Seicorde]

 

© 2014 Reggio Iniziative Culturali S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02459410359

via Colsanto n. 13 - 42124 Reggio Emilia - tel. 0522 524714 - 420804 - fax 0522 453896 - info@reggioiniziativeculturali.it

Privacy   |   Cookies

Reggio Iniziative Culturali S.r.l. è iscritta al MEPA - Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione