Andrea Padova

Andrea Padova

Lorenzo Gioielli

Lorenzo Gioielli

Giovanni Mareggini

Giovanni Mareggini

Amanda Sandrelli

attrice

IL MISTERO DELL'APOCALISSE

 Scarica la scheda di presentazione

 

con Amanda Sandrelli e Lorenzo Gioielli

voci recitanti

Giovanni Mareggini - flauti

Andrea Padova – tastiere e live electronics

LA CENA DI BABETTE

Scarica la scheda di presentazione

Scarica la scheda tecnica

 

con

Amanda Sandrelli

 

Armando Saielli

pianoforte
Giovanni Mareggini

flauto
Mario Stefano Pietrodarchi

fisarmonica

Amanda Sandrelli esordisce sul grande schermo giovanissima con "Non ci resta che piangere!" (1984), diretto da  Massimo Troisi e Roberto Benigni.

Giuseppe Bertolucci  la dirige in "Strana la vita" e in "Amori in corso", che le vale la Sacher d'oro. Lavora poi con Gabriele Salvatores, che la dirige in “Nirvana”, e con Gabriele Muccino in “Ricordati di me”. Nel 2009 recita in "Christine, Cristina",  prima regia di sua madre Stefania.

Al  teatro arriva più tardi,  nel 1992:  debutta all'Argot a Roma con la regia di Duccio Camerini  in "Né in cielo né in terra", poi con Lina  Wertmuller è Ginetta  in “Gianni, Ginetta e gli altri”, con Luca De Fusco recita in "Cronache italiane" (Stendhal),  mentre nel '98 è Irina in "Tre sorelle" (Cechov), regia di Camerini.

Si dedica in seguito a molta drammaturgia contemporanea. Con Angelo Longoni recita in tre spettacoli: "Bruciati" , "Xanax" e "Col piede giusto", e con altri autori italiani come Stefano Massini e Gianni Clementi,  Lorenzo Gioielli ("Non c’è tempo, amore" ripreso per due stagioni, 2010 e 2011).

Al teatro Sala Umberto di Roma è in scena con lo spettacolo "Tres"(di J.C. Rubio), regia di C. Noschese  (2013/14 e in tournée per due stagioni).

Quello stesso anno è ospite ai Festival estivi della Versiliana e delle Orestiadi con letture dall'Odissea e dall’Iliade.

Nel 2015/16, sempre alla Sala Umberto, recita nello spettacolo "Il bagno", per la regia di Gabriel Olivares, in tournée fino al 2017. In seguito è in “Kuby” (regia di Flavio Stroppini) e "Boomerang"

(regia di Angelo Longoni). Senza dubbio il teatro è il posto che predilige.

Amanda ha recitato anche in molti film per la televisione, fra cui "Il compagno" (C. Maselli), “Perlasca" (A. Negrin), "Mafalda di Savoia" ( M. Zaccaro), e molti altri.

Nella prima serie de "Il Giudice Mastrangelo" è protagonista con Abatantuono di sei puntate.

Oltre a recitare, Amanda ha anche scritto e diretto un cortometraggio, “Un amore possibile” (2003) e un documentario,  “Piedi per terra” (2007) in Malawi.

Gli ultimi progetti che la vedono coinvolta sono la mise en espace di "Oscar e la dama in rosa",  un monologo tratto da un  piccolo libro di E.E. Schmitt,  regia di L. Gioielli, con cui ha debuttato nel 2011 al teatro Ariosto di R. Emilia e che continua a portare in giro per l'Italia,e i melologhi “La Cena di Babette” e “Il Mistero dell’Apocalisse”.