Pamela Villoresi

attrice

 

"IL CANTO DI SHAKESPEARE"

Viaggio tra musiche e parole del Teatro Rinascimentale Elisabettiano

con

Pamela Villoresi

Musica Antiqua Latina

Regia Francesco Sala

Drammaturgia  Michele Di Martino

Andrès Montilla Acurero - tenore

Giordano Antonelli - ribeca

Francesco Tomasi - liuto e chitarra  rinascimentale 

Silvia de Maria - viola da gamba

Massimiliano Dragoni - salterio e percussioni 

Costumi a cura di Susanna Proietti

Scarica la scheda di presentazione

Un viaggio nel mondo di William Shakespeare con il contributo di musiche e canzoni che il grande autore usò nelle sue opere.

Un concerto che è un viaggio tra i testi più belli, le commedie più famose, le tragedie rinomate come Amleto, Macbeth, Romeo e Giulietta, Otello, Re Lear, il Sogno, La dodicesima notte, la Tempesta, Antonio e Cleopatra, fino ai sonetti e alla Didone di Christopher Marlowe. Con questo spettacolo desideriamo offrire al pubblico una fruizione e un contatto più compiuto e intenso con Shakespeare attraverso il contributo di canzoni e componimenti musicali che il grande drammaturgo usò per le sue opere. Uno di questi fu certamente Robert Johnson che compose per il Bardo le musiche di scena; e poi: William Byrd, Thomas Morley, John Wilson,  Brossard, John Dowland, Michele del Biado, Henry Purcell e altri.

PROGRAMMA MUSICALE

 

Brossard Rendance – Basse Danse 

Thomas Morley O Mistress Mine

John Dowland  Fortune – Farewell dear heart – a piece without title

Michele del Biado Fuggi Fuggi dai lieti amanti

Anon. The willow song

King Henry VIII Past times with good company

John Dowland Flow my tears

Thomas Morley It was a Lover and His Lass

Henry Purcell Ciaccona

Anon. Greensleeves

John Wilson  Take Those Lips Away

Robert Johnson Full Fathom Five - Where the bee sucks

Tobias Hume Captaine Humes Galliard

William Byrd Pavana Lacrymae - Galliard

Duke of Norfolk Paul’s Steple dance

John Wilson  Lawn as White as Driven Snow

"IL SALOTTO PARIGINO DI ROSSINI"

con

Pamela Villoresi (voce)

Sergio Patria (violoncello) - Elena Ballario (pianoforte)

Testo di: Michele di Martino

Musiche di Rossini

trascritte per violoncello e pianoforte da Elena Ballario

Tremule confessioni e decise constatazioni esternate dall'autore, attraverso il racconto di vita emerso nel carteggio del compositore, sorrette da emozionanti, incalzanti ed avvolgenti melodie.

Il vecchio maestro che aspira il profumo di appetitose pietanze per le quali ordina gli ingredienti dall’Italia, il vecchio maestro che si burla del Do di petto di un celebre ospite e che si fa beffa delle consuetudini canore settecentesche, il vecchio maestro che nel suo esilio dorato di Parigi si isola da un mondo che ormai non comprende più e scrive centinaia di brevi composizioni per pianoforte o piccoli organici, per esclusivo diletto del suo salotto e dei suoi ospiti: Péchés de vieillesse, (Peccati di vecchiaia) brani descrittivi dai titoli curiosi come: "Mon prélude hygiénique du matin”, “Ouf! Le petits pois”, “Un petit train du plaisir (in cui si descrive un rocambolesco viaggio in treno, Rossini odiava i treni…), “Les adieux à la vie” in cui emerge lo stato angoscioso premonitore della vicina fine.

© 2014 Reggio Iniziative Culturali S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02459410359

via Colsanto n. 13 - 42124 Reggio Emilia - tel. 0522 524714 - 420804 - fax 0522 453896 - info@reggioiniziativeculturali.it

Privacy   |   Cookies

Reggio Iniziative Culturali S.r.l. è iscritta al MEPA - Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione