Paola Gassman

attrice

LA CENA DI BABETTE

 

Scarica la scheda di presentazione

Scarica la scheda tecnica

 

con

Paola Gassman

 

Armando Saielli

pianoforte
Giovanni Mareggini

flauto
Mario Stefano Pietrodarchi

fisarmonica

Amalgamare sapientemente la teologia e l’alta cucina, la seduzione della musica e una severa confraternita protestante norvegese, le bollicine dello Champagne e il destino di due signorine – che il loro padre volle chiamare Martina e Filippa, in onore rispettivamente dell’iniziatore della Riforma, Martin Lutero, e del suo teologo Filippo Melantone – un tempo bellissime e ora zitelle, un sussiegoso generale e una cuoca francese in esilio, ridotta a cucinare stoccafisso e una strana zuppa di birra e pane, non è semplice.

E se alla fine il generale diventa un teologo e un mistico, e la severa assemblea degli anziani confratelli si trasforma in una brigata di bambini che ruzzolano ridendo in mezzo alla neve di una notte incantata, è perché ci si è messa di mezzo l’arte. Quella della scrittrice danese Karen Blixen (1885-1962), prima di tutto: che pubblicò questo racconto nel 1950 (in inglese, col titolo Babette Feast’s) con lo pseudonimo di Isak Dinesen; e quella della sua creatura, Babette, l’oscura governante protagonista del racconto: questa donna già Communard, già pétroleuse (etichetta affibbiata alle donne accusate – ingiustamente, si seppe poi – di aver appiccato il fuoco alle case durante la repressione della Comune di Parigi nel 1871), e che si rivela una grande, grandissima artista: dei fornelli.

 

E che fa scoprire il potere trasformante, anzi trasfigurante, dell’arte, di ogni arte: di quell’arte – non importa se applicata ai cibi, alla musica, alle parole, ai colori... – che è segnata dalla grazia e ne diventa uno strumento e una manifestazione. A un patto, però: che l’artista dia tutto, che non tenga nulla per sé. È qui che la parabola dell’arte raccontata da Karen Blixen raggiunge la vibrazione  più “evangelica”: perché l’arte di Babette si fa figura del dono totale, della “perdita” di chi nulla trattiene e tutto dona; e accetta la povertà radicale, per rendere partecipi gli altri della grazia che tutto trasfigura.

 

In questa prospettiva si colloca anche il lavoro degli artisti che, come Paola Gassman, il pianista e compositore Armando Saielli, e i musicisti dell’Ensemble IDML di Reggio Emilia, rendono possibile il dipanarsi dell'intreccio tra narrazione e musica come altrettanta esperienza di dono.

L'arte ci aiuta anche a pensare, in una prospettiva complementare, che in ogni dono di sé si realizza il capolavoro della vita, di cui l’arte stessa è uno dei segni più promettenti. Che tutto questo avvenga attraverso cibi e bevande, di cui l’uomo ha bisogno ogni giorno, è assai significativo (nemmeno tre anni fa si svolgeva Expo 2015 "Nutrire il pianeta, Energia per la vita"). Il cibo, il nutrimento, può essere motivo di conflitti e tensioni, e causa di ingiustizie vergognose. Potremo trasformarlo in realtà di condivisione e grazie, come dice Babette, e anticipare così quel mondo trasfigurato e pacificato che, già secondo il profeta Isaia, si manifesta non a caso nel banchetto dei popoli sul monte del Signore.

© 2014 Reggio Iniziative Culturali S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02459410359

via Colsanto n. 13 - 42124 Reggio Emilia - tel. 0522 524714 - 420804 - fax 0522 453896 - info@reggioiniziativeculturali.it

Privacy   |   Cookies

Reggio Iniziative Culturali S.r.l. è iscritta al MEPA - Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione